an online Instagram web viewer
  • lucafiammenghi
    luca fiammenghi
    @lucafiammenghi

Images by lucafiammenghi

Era una finestrella, sbarrata da una tavola di legno
l’unica presa d'aria della cella.
L'uomo si abitua all’ombra,
a mezzogiorno, in piedi sulla branda
s’allunga alla fessura della luce,
meno di un rigo, un verso breve
passa sulle palpebre degli occhi.

C’è un nodo nel legno che lui tocca 
con l'unghia e con il tempo, 
con la punta dell'unghia e del tempo,
all’uomo serve un gioco nella cella.

Un giorno il nodo cede
pregato dall'unghia amica del tempo
che ricresce ogni giorno, 
il nodo cede. 
Si toglie come un tappo di bottiglia
e nel suo collo passa uno zampillo di luce liscia e dritta
s'allarga a terra, allaga il pavimento.
Il prigioniero Ante si mette scalzo
e ci si bagna i piedi. È un anno 
che non esce di cella, niente cortile, aria,
un anno che la porta è uguale al muro, 
che la porta non porta da nessuna parte
un anno, strizza gli occhi,
il sole dentro il buco è un’arancia rotonda nella mano
i piedi si strofinano fra loro
sono due bambini, la prima volta al mare
i piedi di Ante Zemljar comandante di molti partigiani, 
congedato col merito della vittoria in guerra, 
adesso chiuso dagli stessi compagni: nemico della patria.
Nemico lui che l’ha agguantata al collo
l’ha scrollata di eserciti invasori 
fiume per fiume, da Neretva a Drina, 
coi calci della fame senza nemmeno portar via una cipolla 
a un contadino perché così è la guerra partigiana.
Nemico lui: l’hanno tolto da casa
da Sonia di due anni che sa gridare già:
“Lasciate il mio papà, lasciatelo è mio padre”.
Adesso sì, voi siete suoi nemici.

Ante sa le percosse, sa che un pugno da destra 
lascia sangue sul muro di sinistra e viceversa
e un pugno dritto in faccia lascia sangue a terra,
ma c'è la novità qui le botte riescono a lasciare 
il sangue sul soffitto. 
C’è sempre da imparare circa le vie del sangue
e dei colpi ingegnosi dei gendarmi.

Ante conserva il nodo, lo rimette nel legno
la guardia non saprà,
il sole non è spia, 
s'infila svelto e poi non lascia impronte,
pure se perquisisce la guardia non può dire:
qui c'è stato il sole, sento il suo odore.
Il sole non è un topo,
pure se ne finisce molto in una cella
nessuno si accorge che fuori manca un raggio...
#picoftheday #antezemljat #errideluca
Era una finestrella, sbarrata da una tavola di legno l’unica presa d'aria della cella. L'uomo si abitua all’ombra, a mezzogiorno, in piedi sulla branda s’allunga alla fessura della luce, meno di un rigo, un verso breve passa sulle palpebre degli occhi. C’è un nodo nel legno che lui tocca con l'unghia e con il tempo, con la punta dell'unghia e del tempo, all’uomo serve un gioco nella cella. Un giorno il nodo cede pregato dall'unghia amica del tempo che ricresce ogni giorno, il nodo cede. Si toglie come un tappo di bottiglia e nel suo collo passa uno zampillo di luce liscia e dritta s'allarga a terra, allaga il pavimento. Il prigioniero Ante si mette scalzo e ci si bagna i piedi. È un anno che non esce di cella, niente cortile, aria, un anno che la porta è uguale al muro, che la porta non porta da nessuna parte un anno, strizza gli occhi, il sole dentro il buco è un’arancia rotonda nella mano i piedi si strofinano fra loro sono due bambini, la prima volta al mare i piedi di Ante Zemljar comandante di molti partigiani, congedato col merito della vittoria in guerra, adesso chiuso dagli stessi compagni: nemico della patria. Nemico lui che l’ha agguantata al collo l’ha scrollata di eserciti invasori fiume per fiume, da Neretva a Drina, coi calci della fame senza nemmeno portar via una cipolla a un contadino perché così è la guerra partigiana. Nemico lui: l’hanno tolto da casa da Sonia di due anni che sa gridare già: “Lasciate il mio papà, lasciatelo è mio padre”. Adesso sì, voi siete suoi nemici. Ante sa le percosse, sa che un pugno da destra lascia sangue sul muro di sinistra e viceversa e un pugno dritto in faccia lascia sangue a terra, ma c'è la novità qui le botte riescono a lasciare il sangue sul soffitto. C’è sempre da imparare circa le vie del sangue e dei colpi ingegnosi dei gendarmi. Ante conserva il nodo, lo rimette nel legno la guardia non saprà, il sole non è spia, s'infila svelto e poi non lascia impronte, pure se perquisisce la guardia non può dire: qui c'è stato il sole, sento il suo odore. Il sole non è un topo, pure se ne finisce molto in una cella nessuno si accorge che fuori manca un raggio... #picoftheday  #antezemljat  #errideluca 
@puralocuraaa
@puralocuraaa
«La perfezione mi fa schifo, mi repelle. Tutte quelle donne e quegli uomini che cercano la perfezione negli stereotipi creati della società mi fanno venire il vomito. Fottuti manichini di carne, senza personalità o amore per se stessi. Stessi vestiti, stessa musica, stesse espressioni, stessi cibi, stesse scopate, stesse auto, stesse vite…e alla fine? Stessi suicidi neurali di massa. Perché vivere come un automa è senza ombra di dubbio un suicidio. Quando tutti si è uguali, tutti si è nessuno. La perfezione è un uccellino in gabbia che vive, mangia, caga e muore con il solo scopo d’essere ammirato. Io voglio vivere libero, spiumato, infreddolito, denutrito ma libero».
Charles Bukowski  #bukowski#cremona#picoftheday#beard#beardstyle#blackandwhite#noir#dandy#birkenstock#telegraph#bhoemian#
«La perfezione mi fa schifo, mi repelle. Tutte quelle donne e quegli uomini che cercano la perfezione negli stereotipi creati della società mi fanno venire il vomito. Fottuti manichini di carne, senza personalità o amore per se stessi. Stessi vestiti, stessa musica, stesse espressioni, stessi cibi, stesse scopate, stesse auto, stesse vite…e alla fine? Stessi suicidi neurali di massa. Perché vivere come un automa è senza ombra di dubbio un suicidio. Quando tutti si è uguali, tutti si è nessuno. La perfezione è un uccellino in gabbia che vive, mangia, caga e muore con il solo scopo d’essere ammirato. Io voglio vivere libero, spiumato, infreddolito, denutrito ma libero». Charles Bukowski #bukowski #cremona #picoftheday #beard #beardstyle #blackandwhite #noir #dandy #birkenstock #telegraph #bhoemian #
"Ti porto io,
So la strada senza controlli
E so che non ti piace startene 
In mezzo a questi idioti"
#appino #glasses #picoftheday #domenica #pranzoitaliano #family #casa #blackandwhite #beardstyle #gavetta #gallamini #dandy #beardstyle #beardporn #pittiuomo #winter
Sei stato un grande compagno! ✊🏾 #BlackBerry#bb#classic#picoftheday#