L’importanza di mani sempre curate

L’importanza di mani sempre curate

Lo smalto semi permanente è un ottimo alleato per chi vuole avere delle mani sempre impeccabili e delle unghie davvero colorate. Per realizzare lo smalto semi permanente non sono necessari tanti passaggi, ma semplicemente molta pazienza e dedizione. Questa tipologia di manicure può essere adatta soprattutto a chi possiede delle unghie abbastanza corte, e chi non ama utilizzare uno smalto tradizionale, anche perché quest’ultimo tende ad andare via dopo pochi giorni. Lo smalto semi permanente è capace di resistere anche dalle due alle tre settimane: ma ciò dipende soprattutto dall’unghia e dalla qualità dello smalto. Per realizzare un trattamento occorre disinfettare in primo luogo tutte le unghie, ma anche le mani stesse. Inoltre è necessario utilizzare tutti i prodotti appositi, come ad esempio una lima medio o grossa, che servirà poi per definire la forma ed il bordo dell’unghia naturale. Dopodiché è bene utilizzare un buffer mattoncino che serve per preparare l’unghia all’applicazione del gel se permanente. Sono necessari anche i cosiddetti bastoncini d’arancio o meglio dire spingi cuticola, che servono per sollevare ed eliminare la pelle in eccesso intorno all’unghia. Quest’ultima inoltre deve essere idratata grazie anche a un nail prep, ed un Primer, il quale non deve essere per nulla composto da acido. Ovviamente non può mancare la base, anche chiamata top è una serie di colori semipermanenti adatti all’estate. Infine, sarà bene utilizzare poi un sigillante e un cleaner per pulire qualsiasi sbavatura. Per farsi che lo smalto semi permanente attecchisca sull’unghia e necessario acquistare una lampada UV.

Come applicare il semipermanente

Se si è abbastanza capaci, è possibile addirittura applicare semi permanente in modo autonomo. Con tutti gli strumenti sopra elencati è necessario seguire passo dopo passo l’ordine perfetto per avere un semi permanente davvero duraturo. I passaggi più importanti sono naturalmente quelli in cui si utilizza la lima, che serve appunto per dare forma la propria unghia. In questo caso è necessario prendere le misure in modo adeguato, cercare di non creare una forma troppo storta. La base deve essere applicata con estrema cura, anche perché è essenziale per farsi che l’unghia naturale non si danneggi. Anche l’applicazione del colore deve essere molto attenta e dettagliata, perché è giusto considerare che quel colore sarà sulle proprie unghie per ben tre settimane.

Come rimuoverlo

Ovviamente, ci sono tantissimi metodi per rimuovere lo smalto semi permanente, ma comunque è da considerare che bisogna farlo in modo autonomo, e quindi le modalità si dimezzano. Per quest’operazione è bene considerare che ci sono tantissimi modi per causare dei danni davvero gravi all’unghia naturale, soprattutto grazie alla limatura eccessiva, che bisogna totalmente evitare. Per tale ragione, se si è le prime armi, è sempre bene utilizzare una lima media, e non quella grossa. Inoltre è totalmente sconsigliato utilizzare una fresa elettrico, che può essere troppo forte per un colore se mi permanente. Dunque, con una lima 180 grit sarà possibile eliminare il vecchio lucido e almeno la seconda passata del colore. Con il gel semi permanente è consigliato anche attuare una sorta di impacco sulle unghie, acquistando un remover, che sarà in grado di eliminare il prodotto in circa pochi minuti.

menu
menu